‘RADIO PENSIERI’, DI GIOVAMBATTISTA: “Mi aspetto una rivoluzione in casa Roma. Punto su Sousa”

‘RADIO PENSIERI’, DI GIOVAMBATTISTA: “Mi aspetto una rivoluzione in casa Roma. Punto su Sousa”

Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche romane

Quello delle radio romane è un fenomeno che non ha eguali nel resto d’Italia. Una pluralità di stazioni a fungere da piattaforma, una schiera di giornalisti, ex calciatori e opinionisti ad animare lo spettacolo. Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche:

Alessandro Austini (Teleradiostereo 92.7): “Non posso pensare che la Roma abbia un calo di tensione a due giornate dalla fine. Credo che vedremo una squadra determinata e cattiva. Paredes in questo momento è un cambio di lusso anche se ha fatto molto bene ultimamente e l’ho visto in crescita. Su di lui si può lavorare ancora molto perché è giovane. Non so se possa essere il nostro mediano del futuro ma ha grandissime qualità e si vedono, anche perché l’anno prossimo De Rossi non sarà in forma come quest’anno perché l’età non si nasconde. Mercato solo in uscita? Non conosciamo la realtà dei fatti e Monchi sta già lavorando bene, poi è normale che tanti grandi club sondando e chiedono i tuoi top player come Nainggolan e Manolas. Kessie al Milan? Va benissimo. Lui cerca solamente i soldi del contratto e non la voglia di vincere: non avrebbe avuto fame nel giocare nella Roma, in bocca al lupo a lui. La Roma ha fatto molto bene a non lanciarsi nell’asta contro i rossoneri per lui. Sul mercato, se si cerca bene, se ne trovano altri 10 migliori di Kessie”.

Gabriele Ziantoni (Teleradiostereo 92.7): “Nessuno si sta ricordando che domani si gioca contro il Chievo e sarà una partita importantissima: si parla solo del futuro e del mercato. Il nostro futuro è domani alle 18.00, poi si penserà ad altro. Lasciare in panchina ora Paredes, dopo le ottime prove che sta fornendo, è molto difficile, ma decide il mister”.

Ubaldo Righetti (Teleradiostereo 92.7): “Contro il Chievo non conterà la formazione ma la mentalità con cui si entrerà in campo. Servirà grande attenzione e la stessa intensità che c’è stata contro la Juve. Dzeko è rientrato in gruppo, quindi bisogna vedere come sta, ma si potrebbe anche riconfermare l’attacco leggero, come contro la Juve, ma con il bosniaco ci sono più varianti di gioco. Rientra anche Strootman e c’è un Paredes che sta bene e sta giocando ad alti livelli”.

Claudio Moroni (Centro Suono Sport – 101.5): “Sono preoccupato nel leggere le indiscrezioni di mercato della Roma e quelle delle altre big. Spero che si risolva presto l’interrogativo dell’allenatore per poter programmare la prossima stagione nei tempi giusti”.
Salvatore D’Arminio  (Centro Suono Sport – 101.5): “Le milanesi non mi preoccupano perché credo che non potranno essere competitive già dalla prossima stagione, ci vorranno un paio di anni. Il Napoli, invece, sì perché non venderanno big”.

Augusto Ciardi (Teleradiostereo 92.7): “Dalla prossima settimana inizieremo a sapere chi potrebbe essere il nuovo tecnico della Roma. Confermerei contro il Chievo la coppia De Rossi-Paredes: l’argentino nelle ultime gare ha giocato bene ed ha mostrato personalità. Non mi aspetto nessuna conferenza stampa di addio di Spalletti. Per il Crotone sarà quasi proibitiva la sfida in casa della Juventus”.

Roberto Renga (Radio Radio Mattino 104.5): “Emery? Monchi vuole un allenatore che conosce il campionato italiano, altrimenti si rischia di fare lo stesso errore fatto con Luis Enrique, che è venuto a Roma a fare lo stagista. Mancini? Lui vuole fare una squadra, non punta sui giovani come vuole fare Pallotta”.

Roberto Pruzzo (Radio Radio Mattino 104.5): “Ormai nella Roma va di moda sentire di tanti giocatori in uscita e pochi in entrata, vuol dire che ci sono molti giocatori di valore nella rosa. Non penso che Monchi lascerà andare Nainggolan, è un giocatore su cui puntare ora e nel futuro. Per le entrate bisogna capire chi sarà l’allenatore del prossimo anno, se resterà o meno Luciano Spalletti”. 

Nando Orsi (Radio Radio Mattino 104.5): “Noi facciamo ipotesi sull’allenatore, ma spero che la Roma abbia già deciso. La società deve avere già le idee chiare per fare il mercato e programmare il futuro: secondo me resterà Spalletti”.

Xavier Jacobelli (Radio Radio Mattino 104.5): “Nainggolan deve essere un giocatore incedibile, ma non ci possiamo stupire se è richiesto dal Manchester United e dall’Inter. L’importante è chiarire la situazione col giocatore, perché altrimenti si possono creare situazioni di incertezza. Il prossimo allenatore? Punto su Emery”. 

Ilario Di Giovambattista (Radio Radio Mattino 104.5): “Mi aspetto una rivoluzione in casa Roma, altrimenti Monchi cosa è venuto a fare? Credo arriveranno alcuni giovani, ma bisogna anche capire quale sarà l’allenatore della Roma. I tempi stringono, a questo punto credo che la Roma stia davvero aspettando ancora Spalletti. Io prenderei Paulo Sousa”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy