Totti dirigente, c’è la prima scena: “Alla Roma darò una seconda vita”

Totti dirigente, c’è la prima scena: “Alla Roma darò una seconda vita”

L’annuncio dell’ex capitano: “Ora ci vorranno sei mesi, un anno, due anni, non so quanto per capire realmente il ruolo in cui affermarmi”. Prima accoglie Under a Trigoria, poi va a colloquio con De Sanctis

Chiamatemi Francesco. Ora ci vorranno sei mesi, un anno, due anni, non so quanto per capire realmente il ruolo in cui affermarmi“. Firmato Francesco Totti, il dirigente. Ieri a Trigoria ha accolto il neo acquisto Cengiz Under. Ma al netto delle foto di rito con i volti nuovi, Totti è stato a lungo a colloquio con Morgan De Sanctis, ex compagno di squadra, futuro compagno di avventura nel ruolo dirigenziale, scrive Davide Stoppini su “La Gazzetta dello Sport“. Lavoreranno a stretto contatto: l’ex portiere sarà il club manager, ruolo di raccordo tra squadra e società.

La Roma gli ha dato carta bianca e lui ha ricambiato con la massima disponibilità. Il colloquio con Pallotta della scorsa settimana è andato oltre le aspettative dello stesso Francesco: “Con il presidente c’erano dei passaggi che non erano ben chiari, per quanto successo anni fa. Ma ora ci siamo chiariti, abbiamo parlato tranquillamente e adesso cercheremo insieme di portare più in alto possibile la Roma“. La prima senza di lui dal 1993: “Il 28 maggio 2017 per me resterà sempre un giorno storico, avrei voluto non finisse mai. Lì è terminata la prima parte della vita con la Roma, ora ne inizia un’altra altrettanto importante, sperando di riuscire a fare le stesse cose che facevo in campo. È una nuova avventura, con la mia esperienza credo di poter dare una mano. Per la Roma sarò tutto e niente, non voglio avere un ruolo preciso. Ho riflettuto, mi serviva tempo per entrare in questa società passo dopo passo, per capire cosa fare da grande. Mi metto a disposizione a 360 gradi. Il futuro me lo immagino roseo, voglio far diventare la Roma una grande squadra e una grande società“.

Lo farà soprattutto ad agosto: “Questo nuovo lavoro mi entusiasma, mi porterà cose nuove e belle. Sarò a contatto con Monchi, Baldissoni e Di Francesco. Con Monchi ho avuto una bella chiacchierata, avremo tempo di conoscerci meglio. Di Francesco? Con lui ho un grandissimo rapporto, sarà un valore aggiunto. Sul mio biglietto da visita ci sarà scritto: Francesco, As Roma“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy