Roma, niente alibi. L’Olimpico aspetta grinta e volti nuovi

Roma, niente alibi. L’Olimpico aspetta grinta e volti nuovi

Oggi contro il Verona i giallorossi cercano la prima vittoria casalinga. E Under si scalda

Stasera la Roma tornerà a giocare sul campo dell’Olimpico per sfidare il Verona di Pecchia. Dopo le divisioni dei giorni scorsi, i tifosi si stringono attorno alla squadra, anche se lo stadio rimarrà mezzo vuoto anche oggi. Oltre ai 20mila abbonamenti (la curva Sud è praticamente sold out), sono stati staccati meno di 10mila biglietti. Contro il club veneto, stasera la Roma cercherà il primo acuto della stagione tra le mura amiche, per smuovere la classifica e spazzare via dubbi e polemiche. Con una certezza, che Di Francesco sa benissimo: se la Roma vincerà avrà fatto il suo, in caso contrario qualsiasi altro risultato aprirebbe una sorta di piccola crisi che tutti vogliono evitare. 

Fazio è un altro che sa come vanno le cose, scrive Chiara Zucchelli su “La Gazzetta dello Sport“: “Non conta come sia partito il Verona in questo campionato, conta il fatto che dovremo portare a casa i tre punti“. I tifosi aspettano una gioia in casa da quasi quattro mesi, da quel 28 maggio col gol di Perotti all’ultimo minuto e le lacrime per l’addio di Totti. “Sarà complicata – spiega ancora Fazio – perché nessuna gara è facile e scontata. E noi dobbiamo guardare sempre avanti, il campionato è appena iniziato“. E il campionato si vince proprio battendo le piccole: “Per me si vince battendo tutte, dobbiamo abituarci a vincere sempre, è quello che vogliamo fare“. Solo così lo stadio tornerà a riempirsi. Oggi in tribuna ci sarà ancora il presidente Pallotta, con il possibile esordio del giovane Under dal 1′.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy