Ripartenza Pastore, ma Di Francesco non può aspettarlo

Ripartenza Pastore, ma Di Francesco non può aspettarlo

Il fantasista è chiuso dall’azzurro e gli infortuni non gli hanno dato tregua: dovrà scalare posizioni

di Redazione, @forzaroma

Un po’ di coraggio, e soprattutto un po’ di fiducia, ha provato a darglielo sua moglie Chiara. Ieri mattina la signora Pastore ha pubblicato su Instagram alcune foto del marito con la maglia della Roma e in una ha aggiunto: “Sei la classe”. Che Javier ne abbia da vendere è indubbio, ma è altrettanto indubbio che questi primi due mesi e mezzo siano stati un incubo.
Per l’argentino – scrive Chiara Zucchelli su “La Gazzetta dello Sport” – queste settimane sono state un calvario: via dal centro di Parigi per il centro di Roma, dalla casa a due passi dall’Arco di Trionfo è passato in zona Circo Massimo, sostituendo bellezza con bellezza. Il problema riguarda il campo: in Champions non è mai sceso in campo, in campionato, nonostante i due gol contro Atalanta e Frosinone, nell’ultimo mese ha giocato meno di un quarto d’ora contro la Spal. I polpacci, destro e sinistro, non gli danno tregua, con la Samp potrebbe scendere in campo per uno spezzone, ma se dovesse rivedersi direttamente dopo la sosta nessuno si stupirebbe.
Monchi aveva fondato su di lui la campagna acquisti, Di Francesco era convinto che con il suo talento e la sua intelligenza potesse giocare da mezzala, quando lo ha spostato trequartista lui si è infortunato e Pellegrini è esploso.
Ora dovrà ricominciare da capo e la forza per farlo dovrà trovarla solo dentro se stesso. Si sussurra, a Boston, che Pallotta, una volta visto un video con le sue giocate, se ne sia innamorato. Si sussurra anche che negli Usa, come a Londra e a Trigoria, in tanti siano convinti che la svolta della stagione della Roma potrebbe passare da lui: “Se svolta Pastore, svolta tutta la squadra”. Se sarà così potrà dirlo solo il tempo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy