Nuova strategia Olimpico. Ora la Roma ci mette la faccia

Nuova strategia Olimpico. Ora la Roma ci mette la faccia

Dopo De Rossi e Totti, a Napoli è stato il turno di Florenzi parlare della situazione Olimpico, gli fanno eco anche vari giocatori del passato come Losi, Candela e Giannini

Il timore è che, per l’ennesima volta, la Roma si ritrovi a giocare in casa soltanto sulla carta. Non tanto domenica contro il Palermo, quando all’Olimpico ci saranno almeno 30mila spettatori, quanto domani, visto che l’Austria Vienna sarà seguita da quasi 2mila tifosi, rumorosi (si spera non ci si debba preoccupare per atti di violenza) e pronti a far sentire la propria voce. I romanisti, invece, non dovrebbero superare quota 15mila, considerando anche che la parte più calda del tifo è assente da più di un anno.

I giocatori e Spalletti, ancor più dei dirigenti e della lontana proprietà, non ce la fanno più. La vittoria di Napoli, scrive Chiara Zucchelli su La Gazzetta dello Sport, ha riportato entusiasmo, ma senza tifosi sarà dura. Lo spogliatoio ne parla, dopo De Rossi e Totti, a Napoli è stato il turno di Florenzi: «Chi di dovere si metta una mano sulla coscienza». Come loro anche i giocatori del passato: per Vincent Candela, «i tifosi della Roma meritano di essere trattati come gli altri». Giacomo Losi ribadisce invece: «La squadra ha bisogno dei suoi tifosi, speriamo tornino perché questo non è calcio. Non so se le barriere si possano togliere o meno, ma è ora di fare qualcosa». Dello stesso avviso anche Giuseppe Giannini, che dai microfoni dell’emittente «Centro Suono Sport» ha lanciato un vero e proprio appello: «Mi rivolgo alle istituzioni: restituite alla Roma la sua curva, il cuore di questa società, perché negli altri stadi succede di tutto e certe regole sono ingiuste».

La situazione non sembra destinata a cambiare a breve. L’unica vera novità è rappresentata dal debutto dei biglietti caricati sull’applicazione «Passbook» degli smartphone. Per il resto il piano di sicurezza è lo stesso di sempre, anche se per la sfida in Europa League l’allerta è alta: in arrivo 2000 tifosi austriaci (protagonisti in passato di episodi di violenza in Europa e molto vicini a frange estreme del tifo della Lazio). «In centro e nel cosiddetto “tridente” non sarà possibile consumare bevande alcoliche per strada, ma solo all’interno dei pubblici esercizi. Specifiche misure sono state chieste per la tutela dei monumenti», fa sapere la Questura.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy