Dzeko, quando il bomber non è da Champions

Dzeko, quando il bomber non è da Champions

Tutte le prime punte delle rivali nella corsa per l’Europa finora hanno segnato più di Edin, che è ancora a secco in casa

di Redazione, @forzaroma

Tra le squadre a caccia della Champions, la Roma è quella che ha il centravanti di riferimento con meno reti all’attivo e con la media gol­ minuti più alta rispetto agli altri colleghi di reparto alla caccia dell’Europa che conta di più. Parliamo di Edin Dzeko (neanche a dirlo, l’ingaggio più alto della rosa con 4,5 milioni), la cui crisi in campionato è certificata dai soli 7 gol segnati in 1.950 minuti giocati, che danno una media di una rete ogni 279 minuti disputati. Da Icardi a Piatek, da Zapata a Immobile fino a Belotti, tutti hanno fatto meglio di lui. Il 28 aprile, riporta La Gazzetta dello Sport, si consumerà esattamente un anno che Dzeko non trova il gol all’Olimpico in campionato.

Soprattutto se il traguardo Champions non fosse centrato, non è un mistero che la Roma vorrebbe trovare acquirenti per Dzeko, gradito a Inter (soprattutto), West Ham, Everton, Sunderland, Fenerbahce e alcuni club cinesi. D’altronde l’obiettivo sarà quello di abbassare il monte ingaggi di circa il 20%.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy