Anche Nainggolan arriva da Piacenza: “Mi obbligavano a studiare…”

Anche Nainggolan arriva da Piacenza: “Mi obbligavano a studiare…”

Il centrocampista della Roma ha iniziato la sua carriera in Italia dalla città dell’Emilia-Romagna

Piacenza chiama Roma. Perché non ci sono solo i due allenatori: anche Radja Nainggolan è diventato calciatore da quelle parti. Fu Gianni Rubini a scovarlo in Belgio, su indicazione del procuratore Alessandro Beltrami. “Arrivo a Bruxelles–racconta il dirigente – in una giornata gelida. Lui gioca negli Allievi del Germinal Beerschot contro l’Anderlecht. A un certo punto con una finta fa scontrare due avversari e se ne va”. Ovviamente la relazione è super-favorevole: la settimana dopo Rubini torna a vederlo con il capo degli osservatori Graziano Bini e il d.s. Totò De Vitis conclude la trattativa a meno di 150.000 euro. Nel Piacenza il Ninja debutta giovanissimo e mette insieme 71 presenze. “I primi mesi furono difficili, lì mi obbligavano a studiare e io pensavo solo al calcio – ha raccontato di recente il belga –. Volevo andar via da Piacenza. Per fortuna sono rimasto…”.

(P. Gentilotto)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy