Il calcio “social” degli italiani

Il calcio “social” degli italiani

Roma quarta nella classifica dei club più bravi a usare i social. Ma i giallorossi puntano forte sull’engagement

di Redazione, @forzaroma

Si scannano sui social e vanno sempre di meno allo stadio. Sfida a colpi di like, retweet, commenti, tanti insulti e qualche risata. Anche il calcio italiano è stato assorbito dalla potenza di uno smartphone grazie al quale, nell’immaginario, si può superare qualsiasi barriera. Interattive come non potranno mai essere le televisioni, le piattaforme (Facebook, Instagram, Twitter e YouTube le più popolari) fanno il pieno di assatanati del pallone, con una crescita costante. Results Sport ha pubblicato una mappa capillare, follower per follower, che fotografa la serie A e fa capire quali sono le società più brave utilizzare i nuovi canali. Prima, neanche a dirlo, e la Juventus con i suoi 71 milioni di seguaci complessivi, 19 milioni dei quali guadagnati nel 2018: l’anno dello sbarco di Cristiano Ronaldo, il fenomeno che da solo ha 348 milioni di adepti sui profili personali, ovvero il doppio dell’intera serie A salita ora a 173 milioni. A debita distanza segue il Milan (46 milioni), ma dietro le altre si avvicinano piano piano. L’Inter, grazie anche alla piattaforma cinese (come la proprietà del club) Sinaweibo, ha guadagnato in un anno 5 milioni di follower salendo a 17 complessivi.
Al quarto posto c’è la Roma americana, un caso a parte da analizzare. I giallorossi hanno quasi 15 milioni di fan sui vari social, il doppio del Napoli, ma primeggiare in un aspetto che sui social fa la differenza: “l’engagement”. Si tratta, in soldoni, della capacità di diffondere i propri messaggi rispetto alla propria platea. Grazie al lavoro del social media manager inglese ingaggiato da Pallotta, quel Paul Rogers considerato una sorta di guru nel settore, il profilo twitter inglese della società giallorossa a giugno scorso ha raggiunto il 300% di engagement potendo contare su “appena” 250mila follower. Un risultato incredibile se si pensa che al secondo posto c’era il Fenerbahçe con il 27.8%. Non sono dati da nerd informatici, in realtà questi numeri stanno assumendo un valore commerciale. “Da due anni – ha spiegato a “Il Tempo” Mario Leo, direttore generale di RESULTS Sports – i club hanno iniziato a generare ricavi dalla comunicazione digitale. Partner e sponsor hanno chiesto di far parte delle campagne social, alcuni hanno optato per semplici post pubblicitari che però non piacciono ai tifosi, mentre la Roma tende invece a inserire gli sponsor all’interno dei suoi contenuti, presentandoli ad esempio come partner di grafiche, formazioni, video etc. Il profilo inglese su Twitter dei giallorossi non è il più grande come audience – spiega Leo – ma non ha eguali come intrattenimento ed uno dei migliori nell’engagement. Il personaggio creato e chiamato “Roma Admin” inventa contenuti divertenti, movimenta le conversazioni e fissa i ‘topic’ non solo tra i tifosi romanisti ma da appassionati di tutto il mondo che dicono: “non tifo Roma ma amo il loro profilo Twitter!”.
È esattamente quello che sta inseguendo Pallotta, il cui obiettivo – parole sue – è far diventare il club “la seconda squadra preferita” nel globo. Lo farà quindi felice sapere che più della metà dei seguaci sui vari social dei profili giallorossi sono stranieri. “Se ognuno di loro ci desse 5 euro all’anno, avremmo svoltato” disse ancora il presidente.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy