Stadio, scatta l’indagine dell’Authority comunale: “Piano trasporti carente“

Stadio, scatta l’indagine dell’Authority comunale: “Piano trasporti carente“

L’intervento dell’organo di giudizio presieduto da Carlo Sgandurra rischia di creare non pochi grattacapi alla giunta grillina

di Redazione, @forzaroma

La bocciatura dei servizi erogati dal Campidoglio, a dicembre del 2017, rappresentò un piccolo/grande caso politico. Ma, adesso, la nuova iniziativa presa dall’Authority di controllo del Comune, presieduta da Carlo Sgandurra, rischia di produrre un nuovo terremoto, come riporta Il Messaggero.

Politico, certamente. Ma anche amministrativo e (forse) giudiziario. Perché l’argomento è di quelli sensibili, da molti punti di vista: il progetto dello stadio della Roma (o meglio ancora di James Pallotta) a Tor di Valle.

La Raggi ha sempre detto che “il progetto andrà avanti, se non ci sono irregolarità” e più volte ha ribadito l’intenzione di avviare una due diligence interna su tutti gli atti che hanno portato all’approvazione della revisione del progetto (dalle tre torri alle palazzine più basse, con riduzione di cubature ma anche con la cancellazione di alcune opere pubbliche, su tutte il ponte di Traiano): indagine interna da affidare ad un ente terzo come il Politecnico di Torino. Ma se l’ispezione giace ancora nei meandri del Campidoglio, per il momento a muoversi è stata motu proprio l’Authority di Sgandurra. Quasi un’entrata a gamba tesa, che rischia di creare non pochi grattacapi alla giunta grillina.

Partendo dalla vicenda trasporti, infatti, Sgandurra chiede “di conoscere i pareri e gli studi di viabilità” realizzati dal Campidoglio per la revisione del progetto, e quindi la cancellazione del ponte di Traiano, “viste le preoccupazioni diffuse circa la ricaduta sulla mobilità”.

L’Authority vuole inoltre sapere “se negli scenari sul traffico si sono presi in considerazione soltanto quelli sostenuti dagli studi dei privati, secondo cui il 50% degli spettatori arriveranno a Tor di Valle su mezzi propri e gli altri con mezzi pubblici”.

Sgandurra è pronto ad inviare un report/esposto alla Procura della Repubblica e alla Corte dei Conti, visto che il presupposto di partenza dello stadio è la dichiarazione, votata in Comune, sull’interesse pubblico. Sarebbe un nuovo filone di indagine, su un iter che è già stato congelato a causa dell’inchiesta per la presunta corruzione.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. maxgiallorosso - 2 settimane fa

    C’è qualcuno che non l’ha ancora capito? La Roma NON DEVE avere il suo stadio. Continuiamo a perdere spettatori con una squadra ormai stabilmente in Champions da anni, mentre il “Meazza” fa il pienone nonostante l’eclissi delle squadre milanesi negli ultimi anni (non pochi). L’Olimpico non è uno stadio da calcio ed è scomodo da tutti i punti di vista. Pallotta, quando si stuferà, avrà la scusa buona per la “exit strategy” e noi torneremo ai gloriosi tempi (che qualcuno rimpiange!) in cui abbiamo seriamente rischiato la bancarotta. Così i poteri forti delle squadre del nord (qualcuno vuole farmi credere che non esistono? Ma per piacere…) non devono nemmeno impegnarsi più di tanto…per rendere impossibile la costruzione dello stadio della Roma bastano una giunta comunale incapace e tutta la schiera di quelli che mettono i bastoni tra le ruote per squallidi interessi personali (anche solo quello di avere il nome scritto grande sul giornale).
    P.S. i cari amici juventini si sono svegliati un mattino e hanno detto “oddio, cos’è quel coso gigante?”. Era il loro nuovo stadio che, per quanto se n’è parlato prima, potrebbe essere uscito dal terreno per germinazione spontanea…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy

// inizio configurazione per forzaRoma // fine configurazione per forzaRoma