Roma, ottavi ad un passo

Roma, ottavi ad un passo

Champions, a Mosca i giallorossi tornano a vincere in trasferta dopo 5 ko di fila. Per la qualificazione ora manca solo un punto

di Redazione, @forzaroma

La Roma, se c’è la Champions, non fa mai la stupida, scrive Ugo Trani su Il Messaggero. E, ritrovando il successo esterno in Europa dopo quasi 14 mesi con il 2-1 contro il Cska Mosca, si avvicina agli ottavi. Basta 1 punto da prendere nelle prossime 2 partite, all’Olimpico contro il Real o a Plzen contro il Viktoria.

L’urlo di Manolas, testimonial di certe notti, sveglia i compagni che ultimamente si addormentano nelle gare di campionato. Poi il 1° gol in coppa di Pellegrini aggiusta il solito corto circuito di questa squadra ancora sfasata.

Lo spirito, quando c’è la musichetta della Champions, torna però da big. In Europa questo gruppo si comporta così. Si capisce già all’alba del match. La Roma, senza curarsi del freddo tagliente di Mosca (3 gradi) e dell’impatto scenico del Luzhniki, entra in campo per prendersi subito l’iniziativa e chiudere al più presto la pratica. Il 4-2-3-1 è propositivo nell’atteggiamento, con il baricentro alto, evidenziato dal movimento della linea difensiva, pronta a salire verso il centrocampo. Di Francesco, insomma, va all’attacco.

Il turnover di coppa, come previsto, prevede 4 novità dopo il pari di sabato al Franchi contro la Fiorentina: Santon, Manolas, Cristante e Kluivert. Pellegrini, con Cristante sistemato accanto a Nzonzi, è di nuovo trequartista nella notte in cui Pastore finisce in tribuna con Coric.

Il vantaggio al 1° corner, con il timbro del giocatore che meglio rappresenta la Roma di Di Francesco in Europa. Batte Pellegrini, Akinfeev esce in ritardo e Manolas fa centro di testa. Come contro il Barcellona, ad aprile, nella serata più affascinante vissuta da questo gruppo. Dà la spinta anche in questa edizione. Simbolo per la personalità e per l’efficacia. Sarà lui a fermare, alla fine del primo tempo, Oblyakov, sfuggito a Fazio e presentatosi davanti a Olsen. I giallorossi rischiano il pari dopo aver avuto la possibilità di chiudere in anticipo la sfida: Florenzi, su imbucata di Kluivert, inciampa davanti ad Akinfeev. Che, poi, devia la punizione velenosa di Kolarov. E sulla respinta, Dzeko calcia alto.

Kluivert e Pellegrini si interfacciano con Dzeko. Che però non lascia il segno. La Roma, ordinata e al tempo stesso aggressiva, ha ancora qualche black out. Così si allunga, non mantenendo la giusta distanza tra i reparti. Santon, sbagliando l’intervento sul passaggio di Akhmetov, regala il pari a Sigurdsson all’inizio della ripresa.

Il Cska, però, rimane in 10 dopo meno di un’ora: Magnusson, già ammonito nel 1° tempo per fermare Pellegrini, si ripete su Kluivert, lanciato di petto da Dzeko verso Afinkeev. Cakir gli mostra il 2° giallo e lo caccia. Il sinistro di Pellegrini, su tiro svirgolato di Cristante e sporcato di fianco da Dzeko, certifica il sorpasso.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy