Roma, la meglio gioventù

Roma, la meglio gioventù

Kluivert segna e diverte con l’Olanda U21, Luca Pellegrini debutta con Di Biagio, mentre Under piace ai grandi club. La linea verde giallorossa trova riscontri positivi in campo internazionale. E anche Di Francesco sta virando su di loro

di Redazione, @forzaroma

A Trigoria gli Under 23 chiedono spazio. L’esempio da seguire è proprio quello di Cengiz Under. Arrivato tra mille perplessità di chi non lo aveva mai visto giocare, ora il turco è diventato una certezza, come scrive Stefano Carina su Il Messaggero.  Il Daily Mail lo ha inserito nel Dream Team’ dei migliori Under 21 della Serie A e da questa estate l’attaccante ha iniziato ad essere appetito da diversi club europei.

Nella top 11 del Daily Mail Lorenzo Pellegrini non figura ma soltanto per limiti dettati dall’età. Il centrocampista (22 anni) è infatti la sorpresa più piacevole di questo inizio di stagione. L’avvio difficoltoso della Roma lo aveva messo pesantemente in discussione. Impaccio dal quale Lorenzo è riuscito a togliersi da solo, a suon di prestazioni, gol e assist.

Chi ancora fatica invece a trovare continuità in giallorosso è il duo Cristante-Kluivert. L’ex Atalanta nella nuova formula con il 4-2-3-1 è scivolato dietro il tandem De Rossi-Nzonzi. L’olandese, invece, osannato al debutto in campionato a Torino per l’impatto devastante che aveva avuto sulla gara (coronato dall’assist a Dzeko), s’è andato via via spegnendosi. Anche lui – inserito tra i 10 candidati di France Football per la prima edizione del Trofeo Kopa, il Pallone d’Oro riservato ai migliori calciatori Under 21 del mondo – ha bisogno di continuità. Quella che sta trovando nell’Under 21: ieri contro la Lituania (successo orange per 3-0) ha sbloccato il match.

Fermo al palo c’è Coric. Il croato finora non è mai stato impiegato da Di Francesco in gare ufficiali. Eusebio, però, proprio una settimana fa ha aperto uno spiraglio: “Sta seguendo un percorso, prima o poi avrà la sua possibilità. Ha qualità importanti”. Quelle di cui dispone anche Schick. Il ceco (appena 248 minuti nelle prime 10 gare stagionali), chiuso da Dzeko, proverà a consolarsi oggi con la propria nazionale impegnata nel derby’ contro la Slovacchia. Può già sorridere il tandem azzurrino composto da Zaniolo e Luca Pellegrini. Entrambi esordienti giovedì con l’Under 21 contro il Belgio, hanno dato così seguito al trend positivo del doppio debutto in serie A e in Champions. Al contrario, Karsdorp deve provare ad uscire dal tunnel in cui è finito. Tra tribune, esclusioni e incomprensioni, è arrivato il momento di reagire.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy