La nobile arte di arrangiarsi

La nobile arte di arrangiarsi

E’ un miracolo che l’allenatore inventi di volta in volta formazioni e gioco cambiando spesso e facendo lo slalom tra infortuni e riserve fuori ruolo

di Redazione, @forzaroma

Un pomeriggio a Cagliari e la Roma in trasferta fa tremare. La classifica imporrebbe una vittoria, ma la realtà non autorizza sicurezze. Si può guardare alla partita con l’Inter: Roma coraggiosa, decisa a vincere, castigata dall’arbitraggio. Ma non si dimentichi Udine.

Il mosaico è vario, la costante è l’insicurezza: non siamo più certi di imporre il nostro gioco, nemmeno a squadre più deboli. Anche perché, stando ai numeri non ci sono tante squadre sicuramente più deboli, il Cagliari, ad esempio, ha solo quattro punti in meno e noi siamo nel gruppo, con Sassuolo e Parma.

Questa è la Roma oggi ed è un miracolo che l’allenatore inventi di volta in volta formazioni e gioco cambiando spesso e facendo lo slalom tra infortuni e riserve fuori ruolo. Dobbiamo imparare, anche noi tifosi, ad essere umili e accontentarci delle poche ma significative novità positive, vedi Zaniolo. L’allenatore dovrà arrangiarsi, come fa da tempo. ‘Segni chi può’ è la parola d’ordine, ma nella zona centrale del campo la costruzione del gioco è un problema serio, oltre che grave. Oggi non resta che guardare la partita e sperare di andare a cena felici.
(P.Liguori/CURVA SUD)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy