Il senso di Di Francesco per la Champions

Il senso di Di Francesco per la Champions

Eusebio torna a giocare la “sua” coppa in testa il sogno infranto col Liverpool. Esordio e subito exploit con la Roma, oggi insegue risultati e vecchie emozioni

di Redazione, @forzaroma

Ancelotti, quasi 10 anni fa, si è sbilanciato per iscritto, ufficializzando la sua preferenza per la coppa. Di Francesco, pur non avendola mai conquistata, sembra avere la stessa attrazione, scrive Ugo Trani su Il Messaggero. Di sicuro non può essere sincero come il collega, conoscendo bene l’obiettivo che gli è stato chiesto da Pallotta: priorità al 4° posto e basta. Ma il suo percorso in Champions, dalla notte del debutto all’Olimpico contro l’Atletico (12 settembre 2017), è inequivocabile: Eusebio si presenta per la seconda stagione di fila agli ottavi, doppia promozione inedita per la proprietà Usa (è accaduto, nella storia giallorossa, solo 11 anni fa, con Spalletti in panchina).

In pochi mesi, e oggi a qualcuno scapperà da ridere, è diventato il testimonial del calcio italiano fuori dai nostri confini, esportando la sua trama organizzata e coraggiosa, mai speculativa. All’estero, più che qui, hanno riconosciuto il merito a di Francesco di aver riqualificato l’immagine della Roma a livello internazionale: con l’exploit nella scorsa edizione, ha portato il club di Pallotta tra i primi 4 club d’Europa, risultato raggiunto solo nella Coppa dei Campioni dell’84 con Liedholm. Ecco perché la Champions è la competizione di Eusebio, capace di prendersi il 1° posto del gruppo C nel dicembre del 2018, mettendosi alle spalle il Chelsea di Conte ed eliminando l’Atletico Madrid di Simeone che poi avrebbe vinto l’Europa League.

L’anno scorso si è guadagnato il rinnovo del contratto proprio per i risultati ottenuti nella più prestigiosa manifestazione continentale. 100 milioni abbondanti arrivati dall’Uefa (biglietteria compresa) per le 12 partite disputate nell’ultimo torneo. A quelli si aggiungono i quasi 70 incassati da settembre. L’Olimpico, almeno in Champions, è il fortino di Di Francesco. Nell’edizione passata, in 6 partite in casa (5 successi e 1 pari, 12 reti realizzate e 2 incassate), solo il Liverpool riuscì a far gol. Quest’anno, in 3 match, ne è stato capace il Real (che non ha preso reti come l’Atletico).

La Champions è la sua coppa, dunque: 9 vittorie e 2 pareggi in 18 partite. E se la vuole tenere stretta anche in questo 2019, anche per convincere Pallotta e il suo consulente Baldini, a prescindere dal piazzamento in campionato, a confermarlo per la prossima stagione.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy