Totti si racconta: “La nuova vita da dirigente”

Totti si racconta: “La nuova vita da dirigente”

L’ex numero 10 della Roma: “Metterò la stessa testa e lo stesso spirito avuti quando giocavo”

Riparto dalla fine, da quel 28 maggio, da quel giorno per me storico, lì è finita la mia vita da calciatore e adesso ne inizia un’altra da dirigente”. Francesco Totti rompe il silenzio alzando il sipario ufficialmente su un percorso nuovo, tutto da definire in ruolo e competenza, ma dentro Trigoria, come scrive Francesca Ferrazza su La Repubblica.

“Metterò la stessa testa e lo stesso spirito avuti quando giocavo — continua l’ex numero 10 a RomaTv — forse ancora di più perché ho tanta esperienza calcistica e conosco bene l’ambiente intorno alla Roma. Mi metterò a disposizione a 360 gradi, dal settore giovanile al presidente. Mi ci vorrà tempo, sei mesi, oppure un anno o due, non so quanto, per capire davvero quello che potrò fare davvero: sarò tutto e niente”.

Nel frattempo spera di ritrovare a Trigoria oltre a Nainggolan, a un passo dal rinnovare il suo contratto, come da ammissione di Pallotta (“Tutto fatto”), anche l’amico Manolas. E le giornate americane saranno decisive per scrivere il futuro del greco.

E Manolas fa parte di una spedizione che non dovrebbe più perdere i suoi pezzi pregiati, dopo le cessioni di Ruediger, Salah e Paredes. Sul greco c’è però il corteggiamento della Juventus, che ha perso Bonucci, anche se Monchi per sedersi al tavolo della trattativa non parte da una cifra inferiore ai 40 milioni. Intanto Di Francesco, nel gioco delle coppie di centrali difensivi, ha ieri provato Manolas con Moreno e Castan con Fazio, mentre Juan Jesus è al momento utilizzato come esterno sinistro.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy