Paradosso Di Francesco: tra il record in Champions e le voci sul no di Zidane

Paradosso Di Francesco: tra il record in Champions e le voci sul no di Zidane

Il mister abruzzese entra nella storia romanista come il migliore per media punti in Europa

di Redazione, @forzaroma

Criticato e sull’orlo del licenziamento in Italia, protagonista da record in Europa. Il paradosso legato a Eusebio Di Francesco ruota tutto intorno alla Champions, scrive Francesca Ferrazza su La Repubblica.

E così – mentre dalla Spagna rimbalza l’indiscrezione per cui i vertici giallorossi avrebbero contattato Zidane (che avrebbe risposto di no) per un’eventuale successione sulla panchina – il mister abruzzese entra nella storia romanista come il migliore per media punti in Europa.

Sedici le gare totali giocate in Champions, 9 le vittorie, 2 pareggi e 5 le sconfitte. Per una media punti di 1,8, la migliore di sempre, meglio anche di Liedholm e Capello. La Roma, per arrivare agli ottavi, può fare anche solo un punto tra Plzen e Real Madrid.

Eppure in campionato la faccia della medaglia è opposta e racconta di un gruppo che fa una fatica tremenda a trovarsi, irriconoscibile a tal punto con le “piccole” da rendere preoccupante la sfida di domenica alle 15 contro la Sampdoria.

Non si respira serenità dalle parti di Trigoria, la sensazione è che – nel paradosso europeo del quale la dirigenza non può non tener conto – il tecnico resti sulla graticola, in discussione, tra le altre cose, per la sua strenua difesa di Dzeko, titolare sempre, anche nelle giornate in cui non brilla. Evidentemente Schick non garantisce al mister lo stesso tipo di lavoro, ma la società è arrivata a un bivio: o si prova a credere nel giocatore che, in totale, costerà 42 milioni, oppure si prova a farlo giocare con continuità, dandolo in prestito a gennaio.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy