La partita dei tifosi. L’anno e i colori, lo show delle scenografie

La partita dei tifosi. L’anno e i colori, lo show delle scenografie

Grande spettacolo dalle curve dello Stadio Olimpico

di Redazione, @forzaroma

Se il derby di Roma è definito tra più belli del mondo, il merito è anche delle scenografie. È doppia quella della Lazio: la prima di sfottò, con i 16 gagliardetti delle squadre che nel “?/?/1927” (i punti interrogativi simboleggiano l’incertezza su giorno e mese), attraverso la loro fusione, diedero i natali ai cugini. La seconda, propedeutica, con la scritta “1900” (l’anno di nascita) a riempire tutta la Nord, al centro un’aquila dentro uno stemma e la scritta sottostante: “Ciò che nasce puro più grande vivrà”. La risposta in Sud – riporta “La Repubblica” – sono tre grandi bande orizzontali. Dal basso verso l’alto: il verde acqua a rappresentare il Tevere, poi il rosso e il giallo. Il tutto arricchito da sei maxi-stendardi con lo skyline dei monumenti della Capitale e la scritta: “Una Lupa i gemelli nutre, e si chiama Roma la sovrana del mondo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy

// inizio configurazione per forzaRoma // fine configurazione per forzaRoma