DiFra coccola Under: “Mi ricorda Montella”. E chiede alla società di non cedere i big

DiFra coccola Under: “Mi ricorda Montella”. E chiede alla società di non cedere i big

In Turchia è Cengiz Mania. Intanto il tecnico manda un segnale chiaro: “Mi auguro che, messe a posto alcune questioni societarie, si possa dare continuità agli stessi calciatori, come fa il Napoli”

2 commenti

La sua esultanza è già un simbolo per i tifosi della Roma e per il suo Paese. Lo show di Under fa rumore in Turchia, con la stampa impazzita per l’attaccante. Doppietta e assist contro il Benevento arrivati dopo il gol-vittoria di Verona, e poi quell’omaggio ai soldati impegnati nell’offensiva contro l’enclave curdo-siriana di Afrin, ricorda Francesca Ferrazza su “Repubblica“. Ed è Di Francesco a fargli un bel complimento tecnico. “Mi ricorda Montella: ha la stessa velocità e capacità di esecuzione“. Il tecnico analizza poi il momento. “Stiamo tornando sulla strada giusta – spiega a Radio Anch’io – anche se abbiamo perso troppi punti per strada. Abbiamo avuto 40 giorni di difficoltà, ma, terminato il mercato che può aver distratto, stiamo ritrovando compattezza”. Di Francesco manda un segnale chiaro alla società: “Mi auguro che, messe a posto alcune questioni societarie, si possa dare continuità agli stessi calciatori, come fa il Napoli“.

Napoli che, come costi della rosa, non è ai livelli della Roma. Secondo la classifica del Cies, il club di Trigoria è diciassettesimo in Europa come costo della rosa (262 milioni), terzo in Italia alle spalle di Juventus (448) e Milan (305). Intanto il Prefetto di Udine ha confermato la chiusura della trasferta di sabato pomeriggio ai tifosi giallorossi, considerati “pericolosi per aver dato prova di atti di intemperanza e violenza”.

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. encat - 1 settimana fa

    peccato che EDF conta come il due di coppe quando regna bastoni

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. cpg35600 - 1 settimana fa

    Bravo, perfetto, Mr. Di Francesco. Ma Lei crede che l’attuale dirigenza la possa ascoltare? Speriamo di sì, ma che il discorso diventi comune con il suo direttore, Sr. Monchi. solo allora potremmo avere qualche speranza!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy