Malagò e Lotti a Tavecchio: “Dimettiti!”

Malagò e Lotti a Tavecchio: “Dimettiti!”

Il numero uno del Coni: “Un uomo delle istituzioni deve ragionare con il buon senso”

“Fossi Tavecchio mi dimetterei”. Giovanni Malagò non fa sconti. Del resto, prima di parlare, il capo dello sport italiano ha chiamato il presidente federale per capire le sue intenzioni. Una telefonata breve e gelida. Perché Tavecchio, fedele a se stesso, si è messo l’elmetto in testa e ha deciso di andare avanti perla sua strada. “Resistere, resistere, resistere”Malagò lo vorrebbe fuori dai giochi, ma non ha strumenti per dare corpo alla sua strategia. Così quello del presidente del Coni resta un invito. “Un uomo delle istituzioni deve ragionare con il buon senso. È successo solo nel ‘58 che non siamo andati al Mondiale e in quella circostanza partecipavano soltanto sedici squadre…”. Come dire che il fallimento è completo. Luca Lotti, ministro dello Sport, parla genericamente di “calcio da rifondare” e aggiunge che “è il momento di fare scelte coraggiose”. Tavecchio considera coraggioso restare al suo posto.

(A. Bocci)

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy