Premier League 9/a giornata: Liverpool in vetta, Conte strapazza Mourinho

Premier League 9/a giornata: Liverpool in vetta, Conte strapazza Mourinho

Pareggiano City, Arsenal e Tottenham, ne approfittano il Liverpool che aggancia la prima posizione ed il Chelsea che infligge una dura lezione allo United. KO Everton, torna alla vittoria anche il Leicester di Ranieri, in coda bene West Ham e Stoke

di G. Giammusso

Un campionato scoppiettante ed imprevedibile, come solo la Premier League sa essere: cinque squadre candidate alla vittoria finale, City Arsenal e Liverpool in cima, appena un punto sotto Chelsea e Tottenham, la stagione è ad un quarto ma già si preannuncia combattuta fino alla fine.

Terza partita consecutiva senza vittoria per il City, contro il Southampton in casa si mette subito male per un pasticcio di Stones in difesa, si inserisce come un rapace Redmond che porta in vantaggio i Saints; pochi minuti più tardi si redime il difensore inglese, raccogliendo un assist da calcio piazzato di De Bruyne e realizzando, ma l’arbitro sbandiera un fuorigioco dubbio. Il pari cercato con insistenza arriva nella seconda frazione di gioco, Fernandinho imbecca Sane, quest’ultimo attende l’inserimento di Iheanacho che realizza a pochi metri dalla linea di porta; 1-1 finale, Austin e Aguero ci provano ancora ma il risultato non cambia, è solo pareggio. Esito medesimo in termine di punti per l’Arsenal, in casa con il Middlesbrough il match termina a reti inviolate, 0-0 nonostante il predominio nel possesso palla, spezzata la striscia di vittorie consecutive dei Gunners; anche il Tottenham termina 0-0, in casa del Bournemouth manca l’ultima conclusione a rete e pur mantenendo la miglior difesa del torneo, Pochettino rinpiange l’assenza di Harry Kane.

Aggancia altresì la vetta il Liverpool, Mane e Coutinho chiudono i giochi già nel primo tempo, tenta di riaprirla McAuley nella ripresa, ma gli uomini di Klopp controllano bene, 2-1 ed aggancio in prima posizione. Appena un punto sotto il Chelsea di Conte, umiliato in casa lo United di Mourinho: l’allenatore portoghese paga dazio contro la squadra dove ha allenato per ben 5 anni, goleada che inizia dopo appena 40 secondi, Alonso ha visione di gioco per un lancio lungo, Pedro raccoglie, dribbla il portiere ed insacca alle spalle di De Gea. Ancora nel primo tempo, Cahill è implacabile sugli sviluppi di un calcio d’angolo e deposita in rete; arriva la ripresa e Hazard inventa il terzo, buon palleggio dei Blues e Matic lo imbecca bene, 3-0. La ciliegina sulla torta è il 4-0 definitivo di Kante che riesce a liberarsi dell’avversario in area ed a chiudere in rete; nel finale polemico Mourinho per l’esultanza giudicata eccessiva ed umiliante da parte del collega Conte, ma il dato di fatto è l’indiscutibile lezione inflitta dall’allenatore italiano a quello portoghese.

Un Burnley arcigno spezza negli episodi un Everton sprecone: Vokes porta in vantaggio i padroni di casa, le Toffees pareggiano solo nella ripresa con Bolasie che ruba letteralmente il pallone dai piedi di Lukaku e scarica con una gran botta alle spalle del portiere; nel finale è Arfield l’eroe di giornata, 2-1 Burnley e match chiuso. Altro pari per 0-0 tra Swansea e Watford, la squadra gallese necessita di punti vista la difficile situazione che la vede penultima, la squadra di Mazzarri dalla sua si sta rendendo protagonista di una stagione al vertice, terzo risultato utile consecutivo. Torna alla vittoria anche in campionato dopo i fasti europei in Champions il Leicester di Ranieri, contro il Crystal Palace un 3-1 convincente: apre Musa, raddoppia Okazaki, chiude Fuchs, nel finale il goal della bandiera firmato da Cabaye.

In coda, seconda vittoria consecutiva per il West Ham, ancora una volta con il risultato minimo, a tempo scaduto è il centrale Reid a realizzare un goal da bomber vero, botta di fino da fuori area a fil di palo, imbeccato bene da Payet, 1-0 e pubblico in delirio, l’incubo zona retrocessione è finalmente scongiurato. Gioisce  anche lo Stoke, in casa dell’Hull City è una doppietta di Shaqiri, un goal per tempo, a suggellare il risultato sullo 0-2 e regalare preziosi punti salvezza ai Potters.

Premier League 9/a giornata:
Bournemouth – Tottenham 0-0
Arsenal – Middlesbrough 0-0
Burnley – Everton 2-1
Hull – Stoke 0-2
Leicester – Crystal Palace 3-1
Swansea – Watford 0-0
West Ham – Sunderland 1-0
Liverpool – West Brom 2-1
Manchester City – Southampton 1-1
Chelsea – Manchester United 4-0

Classifica:
Manchester City, Arsenal, Liverpool 20; Chelsea, Tottenham 19; Everton 15; Manchester United 14; Southampton 13; Watford, Bournemouth 12; Crystal Palace, Leicester 11; West Brom, Burnley, West Ham 10; Stoke 9; Middlesbrough, Hull 7; Swansea 5; Sunderland 2

Marcatori:
Costa (Chelsea) 7; Lukaku (Everton) 6; Aguero (Manchester City), Antonio (West Ham), Walcott (Arsenal) 5

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy