Premier League 28/a giornata: il Leicester di Ranieri si porta a +3 dal Tottenham

Premier League 28/a giornata: il Leicester di Ranieri si porta a +3 dal Tottenham

Nel turno infrasettimanale steccano quasi tutte le grandi: pari per Leicester, sconfitte Tottenham, Arsenal e City, ne approfitta lo United che recupera terreno. Bene West Ham, Liverpool, Chelsea ed Everton; in coda si sganciano Bournemouth e Swansea, la lotta per non retrocere entra nel vivo per Sunderland, Norwich e Newcastle

di G. Giammusso

E’ una giornata anomala per tutta la Premier League, le grandi stentano a vincere: il risultato paradossalmente favorisce il Leicester, che riesce a staccarsi ulteriormente dalle inseguitrici. In casa contro un WBA coriaceo la squadra di Ranieri non va oltre al pari: 2-2, vanno in vantaggio gli ospiti con Rondon, Drinkwater e King fanno sognare le Foxes, che chiudono il primo tempo in vantaggio. Pareggia però ad inizio ripresa Gardner, difendono il pari con i denti le Baggies, Vardy e compagni non riescono ad andare nuovamente in rete, complici anche due sfortunate traverse, 1 solo punto preso, che si rivelerà tuttavia prezioso, in considerazione della sconfitta maturata dalle dirette avversarie.

E’ infatti un goal in apertura di Michail Antonio a decidere il confronto del Tottenham nel derby londinese giocato in casa del West Ham: l’ala inglese è in un gran stato di forma e sta conseguendo continue prestazioni di livello oltre a segnature decisive. Ci provano gli ospiti con grande insistenza sotto la regia di Eriksen, con la consapevolezza che la vittoria significherebbe aggancio in vetta, ma la porta difesa da Adrian consegue un clean sheet importante che lancia gli Hammers ad un solo punto dalla zona europea: finisce 1-0. Gli Spurs sono ora chiamati ad uno scontro diretto con l’Arsenal, altro derby d’alta classifica, per rimanere in scia del Leicester capolista. I Gunners affrontano i gallesi dello Swansea tra le mura amiche: Sanchez-Campbell ed è 1-0 per i padroni di casa, ma Routledge pareggia per gli ospiti, assetati di punti per svincolarsi dalla zona retrocessione. Alle Swans riesce addirittura il colpaccio, ribaltando le offensive di Ozil e compagni portando in rete al 74’ Williams: finisce 1-2, ben 3 pali per l’Arsenal che può dirsi anche un po’ sforunato.

Terza sconfitta consecutiva, quest’ultima sonora contro un Liverpool in grande spolvero, per il Manchester City: i Citizens vanno sotto di due reti già nel primo tempo, Lallana e Milner i mattatori, nella ripresa è Firmino ad incorniciare la solita buona prestazione, l’assist di un Lallana in gran giornata. Si porta a -10 dalla vetta il City, difficile se non impossibile pensare allo scudetto, l’euforia della Coppa di Lega è già svanita, in campionato è necessario riprendere con un altro passo. Per una metà di Manchester che perde, c’è quella dei Red Devils che esulta: seconda vittoria consecutiva, sofferta e guadagnata nel finale grazie ad una gran punizione di Mata, finisce 1-0 contro il Watford, aggancio ai cugini del City avvenuto, nonostante questi ultimi abbiano una partita da recuperare.

Terza vittoria consecutiva per lo Stoke, in forma smagliante, a condannare il Newcastle è l’ex-Inter Shaqiri nel finale, ennesima buona prestazione di Arnautovic, finisce 1-0. Male il Southampton, che si vede sconfitto fuori casa da un Bournemouth che vuole affondare le proprie radici nella massima serie, portandosi a un discreto +8 dal terz’ultimo posto che significa retrocessione. Cook nel primo tempo e Afobe nel secondo firmano i sigilli, il match termina 2-0. Può gioire il Chelsea alla terza vittoria consecutiva, Kenedy e Costa nel primo tempo fanno sembrare tutto facile contro il Norwich, nella ripresa accorcia le distanze Redmond, i Blues soffrono e rischiano di essere raggiunti, ma la partita finisce 1-2, tutta un’altra musica il rendimento di Hiddink.

Passeggia l’Everton in casa dell’Aston Villa ormai virtualmente retrocesso: a Birmingham segnano Mori e Lennon nel primo tempo, sigillo di Lukaku nella ripresa, goal della bandiera di Gestede nel finale, finisce 1-3. Goal e spettacolo in casa del Sunderland, N’Doye fa gioire i padroni di casa e fa chiudere il primo tempo in vantaggio; si sveglia il Palace nella ripresa che prima pareggia e poi si porta in vantaggio, con una gran doppietta di Wickam, l’ultima emozione la regala l’ex-Roma Borini che ferma il risultato al 90’ sul 2-2 definitivo.

Premier League 28/a giornata:

Aston Villa – Everton 1-3
Bournemouth – Southampton 2-0
Leicester – West Brom 2-2
Norwich – Chelsea 1-2
Sunderland – Crystal Palace 2-2
Arsenal – Swansea 1-2
Stoke – Newcastle 1-0
West Ham – Tottenham 1-0
Liverpool – Manchester City 3-0
Manchester United – Watford 1-0

Classifica:
Leicester 57; Tottenham 54; Arsenal 51; Manchester City*, Manchester United 47; West Ham 46; Stoke 42; Liverpool* 41; Southampton 40; Chelsea 39; Everton* 38; Watford 37; West Brom 36; Crystal Palace 33; Bournemouth 32; Swansea 30; Sunderland, Norwich, Newcastle* 24; Aston Villa 16
* 1 partita in meno

Marcatori:
Vardy (Leicester) 19; Lukaku (Everton) 17; Kane (Tottenham) 16; Mahrez (Leicester), Aguero (Manchester City), Ighalo (Watford) 14; Giroud (Arsenal) 12; Diego Costa (Chelsea) 11; Defoe (Sunderland) 10; Wijnaldum (Newcastle), Arnautovic (Stoke) 9

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy