Stadio, Baldissoni in pressing: “La pazienza sta finendo”. Fazio: “Roma è il mio posto”. Spunta Romulo

Stadio, Baldissoni in pressing: “La pazienza sta finendo”. Fazio: “Roma è il mio posto”. Spunta Romulo

Il dg giallorosso chiarisce la posizione di Pallotta nell’incontro con la sindaca Raggi. Il difensore argentino out nell’esordio argentino al Mondiale. Mercato, Monchi sonda il jolly del Verona

di Francesco Iucca, @francescoiucca

STADIO CAPITALE – Dopo tre giorni di tumulti per gli arresti nell’ambito del progetto per lo Stadio della Roma, è tempo anche di fare bilanci e preparare le prossime tappe. Sono programmate per la prossima settimana le verifiche sull’iter del nuovo impianto giallorosso, che coinvolgerà tutti i dipartimenti del Comune interessati con particolare attenzione a vincoli e infrastrutture per la viabilità. In ogni caso ci saranno dei ritardi importanti e il ds della Roma Baldissoni ha chiarito la posizione di Pallotta: “È disponibile ad andare avanti, ma non vuole perdere altro tempo, la sua pazienza è al limite e un altro anno di attesa lo spingerebbe a mollare tutto“. Sulla questione è intervenuto anche l’Assessore all’Urbanistica Montuori: “La variante al prg? Noi abbiamo chiesto a Eurnova chi sono ora gli interlocutori. In aula a luglio? Difficile, ma non si sa mai”. Intanto il presidente dell’assemblea capitolina Marcello De Vito ha svelato: “Quando il progetto dello stadio con la riduzione di 500 mila mq fu presentato al gruppo di maggioranza dall’avvocato Lanzalone approvammo il progetto senza il voto di tre consiglieri“. Il vicepremier Luigi Di Maio ha commentato invece in questo modo l’inchiesta: “Un grande equivoco, è tutto un malinteso“. Anche Carlo Verdone ha espresso la sua opinione sulla vicenda: “Siamo tutti quanti un po’ tristi perché non ne possiamo più. Capisco anche la reazione del presidente Pallotta”.

TRA MONDIALE E FUTURO – Era previsto per oggi l’esordio giallorosso nel Mondiale in Russia: i gol di Aguero e Finnbogason fissano il risultato sull’1-1 tra Argentina e Islanda, ma Federico Fazio è rimasto in panchina per tutto il match (in difesa Sampaoli ha scelto Otamendi e Rojo). Il centrale classe ’87 ha parlato del suo presente e futuro in giallorosso: “Ho fatto una grande stagione con la Roma, è una città in cui ho trovato davvero il mio posto. La memoria va ancora al match col Barcellona:Sapevamo come fargli male, eravamo consapevoli di poter fare la rimonta. La testa è essenziale per vincere. Partita storica, nel calcio niente è impossibile. Il mio idolo da bambino? Batistuta, infatti da ragazzo facevo l’attaccante”.

MERCATO – Dopo i tre acquisti ufficiali da parte di Monchi, in attesa di formalizzare il quarto, i nomi accostati ai giallorossi continuano a crescere. L’ultimo è l’uruguaiano Nahitan Nandez, centrocampista classe ’95 del Boca Juniors attualmente in Russia per i Mondiali, che piace anche ad altre due squadre di Serie A. Nelle ultime ore è spuntato anche Romulo, jolly del Verona retrocesso: “Per lui a Roma c’è praticamente un derby. Stavamo parlando con la Lazio e all’improvviso si sono inseriti i giallorossi. Hanno fatto un sondaggio, forse non sapevano della clausola rescissoria”, ha rivelato l’agente dell’italobrasiliano. Un altro obiettivo di Monchi è senza dubbio Alex Meret, giovane portiere di proprietà dell’Udinese, che però ha intenzione di trattenerlo. “E’ uno dei giovani migliori del panorama europeo assieme a Donnarumma – ha chiarito il ds dei friulani –. Partirermo con lui titolare, il presidente vuole così. Chi lo prenderà in futuro farà un affare, diventerà fortissimo“. Infine potrebbe tornare in gioco la candidatura di Lucas Verissimo: il difensore brasiliano avrebbe rifiutato il Lione perché preferirebbe la Serie A. Roma e Torino restano alla finestra.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy

// inizio configurazione per forzaRoma // fine configurazione per forzaRoma