Sfascio Italia, day-after: nessuno si dimette. Roma-Lazio, Nainggolan ancora a parte

Sfascio Italia, day-after: nessuno si dimette. Roma-Lazio, Nainggolan ancora a parte

Domani la riunione in Figc senza il ct, che chiede la buonuscita. Lotti: “Calcio va rifondato”. A Trigoria si lavora per il derby: Schick in gruppo la mattina, a parte nel pomeriggio

Che sarà, sarà. E il presente è un buco nero, dove chi dovrebbe affondare galleggia e si nasconde. Nel day-after della disfatta italiana nessuno paga. La prima testa a saltare doveva essere quella di Ventura, il Caronte di un movimento che muore, che è ancora al suo posto e avrebbe chiesto una buonuscita di 700mila euro per lasciare la panchina. E Tavecchio? Il presidente della Figc prende tempo e organizza una riunione speciale che si terrà domani, per discutere del futuro. Intanto dal Coni Malagò gli dà un suggerimento: “Fossi in lui mi dimetterei”. Netto anche il commento del Ministro Lotti“Il calcio va rifondato”.

VERSO IL DERBY – Un lato positivo, leggendo la situazione da un punto di vista romanista, lo si trova guardando al prossimo ritiro. Per ora sono solo 3 i titolari giallorossi sicuri di un posto in Russia la prossima estate. Di Francesco potrà lavorare da subito con la maggior parte del gruppo. Gli azzurri intanto sono tornati oggi a Trigoria, dove si è entrati nel vivo di una settimana pre-derby atipica. Solo terapie per loro, che saranno in gruppo da domani. Ancora in forte dubbio Nainggolan, che ha lavorato a parte in entrambe le sedute di oggi. Ha lavorato con i compagni, almeno nella seduta mattutina, Partik Schick, che dopo le polemiche per quell’intervista galeotta è finalmente pronto a prendersi la Roma. Versante Lazio: ripresa oggi a Formello dopo i due giorni di pausa. Nessun problema per Strakosha, che era tornato in anticipo dal ritiro con l’Albania per un problema all’adduttore. Ancora a parte invece Anderson. Assente Wallace. Domani doppia seduta anche con Immobile e Parolo, rientrati da Milano.

RAZZISMO – Prime decisioni sul caso razzismo in Curva Sud, dove i tifosi della Lazio hanno affisso l’immagine di Anna Frank con la maglia della Roma, durante la sfida con il Cagliari. Il procuratore della FIGC, Giuseppe Pecoraro, ha deferito il club biancoceleste per responsabilità sui comportamenti discriminatori. Graziato per ora Lotito, con l’archiviazione dell’accusa che è stata trasmessa agli uffici del Coni. Intanto il vicepresidente del Museo della Shoah Masini, ha proposto un modo originale per punire i colpevoli: Proporremo che nell’ambito delle pene relative ai gravissimi fatti accaduti allo stadio Olimpico sia inserita la partecipazione alla formazione per guide accompagnatrici che facciamo ciclicamente ai nostri volontari. Sarà utile per capire cosa successe durante il fascismo e il nazismo in Italia e nel resto d’Europa. Saranno così formati e potranno guidare e accompagnare scuole e visitatori alle nostre iniziative e alle nostre mostre”. 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy