Serie A, è della capolista Roma il miglior rendimento per il mese di ottobre

Serie A, è della capolista Roma il miglior rendimento per il mese di ottobre

I giallorossi sono un rullo compressore: miglior attacco, maggior numero di sortite offensive e assist vincenti. Gervinho, Salah e Pjanic risultano essere determinanti

di Redazione, @forzaroma

La compagine di Garcia, come evidenzia l’Osservatorio del Calcio italiano,  inanella 4 vittorie (in altrettante partite disputate), conquista la testa della classifica, mantiene un margine di vantaggio di 2 punti sulle inseguitrici Napoli, Fiorentina e Inter. I giallorossi vantano il miglior attacco della massima serie (25 reti in 10 giornate, media di 2.5 reti a match) a fronte di 261 sortite offensive, 131 tiri realizzati (78 nello specchio della porta avversaria e 53 fuori, terzo miglior dato in assoluto) e 38 assist collezionati (11 dei quali vincenti, primato assoluto). Una propensione estremamente offensiva che consente ai giallorossi – una volta in vantaggio – di ottenere sempre l’intera posta in palio (7 partite in vantaggio, altrettante vittorie ottenute). Il 52% sul totale delle reti è stato realizzato nella seconda frazione di gioco, il restante il 48% nei primi quarantacinque minuti. E’ la forza propulsiva degli esterni a risultare determinante: Mohamed Salah (9 presenze, 704 minuti giocati, 5 reti a fronte di 38 attacchi, 16 tiri, 13 occasioni da goal) e Gervinho (8 presenze, 651 minuti giocati, 5 reti).

La Roma domina l’avversario a fronte di una manovra articolata ma precisa: i giallorossi totalizzano una percentuale di possesso palla pari al 57% che in casa diventa il 59.4% per un totale km percorsi pari a 98.765. Assoluto protagonista del gioco romanista risulta essere Miralem Pjanic: il bosniaco totalizza 22 azioni offensive, 21 conclusioni a rete, 14 occasioni da goal, 5 reti e 4 assist.

Al termine della 10° giornata la Juventus risulta essere la squadra a tentare maggiormente la conclusione a rete (137 in totale, davanti a Napoli 136 e Roma 131). La Lazio è la compagine che ha totalizzato il maggior numero di cross in area di rigore avversaria (101 in totale, davanti a Palermo e Torino fermi a 90). Il Chievo Verona invece risulta essere la squadra ad aver percorso il maggior numero di chilometri in campo (media di 113.857, davanti a Bologna 109.876 e Lazio 109.258) Il Frosinone infine è la compagine a subire maggiormente le conclusioni a rete avversarie: l’estremo difensore dei ciociari ha collezionato 49 parate, 11 sono risultate essere decisive.

(www.osservatoriocalcioitaliano.it)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy