Roma, Monchi a Milano studia il mercato: De Rossi la chiave. Clausole, le big su Manolas e Pellegrini

Roma, Monchi a Milano studia il mercato: De Rossi la chiave. Clausole, le big su Manolas e Pellegrini

Arriveranno rinforzi solo in caso di cessioni o notizie non incoraggianti riguardo il recupero del capitano giallorosso. Psg, Manchester United e Liverpool sui due giocatori: con 66 milioni si possono portare via da Trigoria

di Jacopo Aliprandi, @JacopoAliprandi

Ormai è un dato di fatto: senza le cessioni non ci sarà mercato in entrata. Perché la rosa è ampia, la squadra è quasi tutta a disposizione di Di Francesco e Monchi la reputa ancora di qualità. Ma intanto il direttore sportivo giallorosso è a Milano e studia le eventuali mosse per non farsi trovare impreparato davanti alle possibili uscite di Marcano e Coric, cercando l’affare che possa soddisfare di Francesco e le casse del club.
Le operazioni importanti passano soprattutto dalle condizioni di Daniele De Rossi. Il centrocampista e capitano della Roma è ancora alle prese con l’infiammazione alla cartilagine del ginocchio destro: scongiurato l’intervento, le sue condizioni nei prossimi giorni scateneranno la reazione a catena sul mercato. Se non arriveranno segnali incoraggianti sul suo recupero, Monchi cercherà un centrocampista da affiancare – o sostituire – a Nzonzi, fin qui tra i più utilizzati in stagione. Resta caldo il nome di Bennacer, così come quelli di Malinovskyi del Genk e Dendoncker del Wolverhampton.

CLAUSOLE – Il Real Madrid ieri ha ufficializzato il suo primo acquisto della sessione invernale: si tratta di Brahim Diaz, diciannovenne centrocampista arrivato dal Manchester City. I blancos per non lasciarselo scappare hanno inserito nel suo contratto una clausola da 750 milioni di euro. Esagerata, come quelle di Asensio e Isco (700 milioni), funzionale però per non perdere un giocatore in crescita e al di sotto del loro valore. E’ quello che potrebbe capitare alla Roma con i suoi due gioielli Manolas e Pellegrini. Il difensore greco ha una clausola rescissoria di 36 milioni di euro, mentre il centrocampista di 30: spiccioli per una big che pensa a rinforzarsi con un centrale affermato e un centrocampista di qualità e sicuro avvenire. Con sessantasei milioni due giocatori di assoluto livello, un vero e proprio affare. Tremano i tifosi della Roma, trema la Roma stessa che vede il Psg – oltre alla Juve -sulle tracce di Lorenzo Pellegrini per sostituire Rabiot. Le big inglesi invece fanno la corte al greco che ha di recente assunto Mino Raiola: Manchester United e Liverpool monitorano la situazione, aspettando anche il via libera del procuratore.

OUT ELSHAA – A Trigoria intanto la Roma continua a lavorare per preparare la sfida di lunedì prossimo contro la Virtus Entella. Doppia seduta e allenamenti specifici per reparti. Oltre a De Rossi, hanno lavorato individualmente Manolas, Coric e Santon. Out El Shaarawy, fermo a casa con l’influenza. Scendono quindi le possibilità di vedere il Faraone in campo nella sfida di Coppa Italia, crescono quindi le quotazioni di Perotti e Kluivert, che si contenderanno una maglia da titolare con Under per le due fasce d’attacco. In porta spazio a Mirante, con Florenzi, Fazio, Jesus e Luca Pellegrini, a centrocampo Di Francesco potrebbe sperimentare e inserire dal primo minuto Lorenzo Pellegrini e Zanilo, con lo stacanovista Nzonzi.

STADIO – Capitolo Stadio della Roma. E’ slittato l’invio della relazione del Politecnico di Torino al Campidoglio relativa al nodo mobilità nel progetto dell’impianto giallorosso di Tor di Valle. Niente allarmismi tra le varie parti, la consegna è solamente stata posticipata per consentire alcune integrazioni nella relazione. La pausa natalizia ha ancora una volta allungato i tempi: Pallotta d’altro canto non ha intenzione di mollare e punta a comprare da Eurnova i terreni per costruire da solo l’impianto. Entro aprile sia la Roma sia il Comune sperano di portare in aula il voto sulla variante, per poi poter partire con i lavori.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy