Roma, Kolarov nel mirino. Furia dei tifosi: “Insulti chi vi incoraggia, vattene” – FOTO

Roma, Kolarov nel mirino. Furia dei tifosi: “Insulti chi vi incoraggia, vattene” – FOTO

La prestazione di ieri e l’episodio di Termini ha fatto esplodere la contestazione nei confronti del serbo: “Ti devi vergognare. Siamo noi che non capiamo di calcio, vero?”

di Valerio Salviani, @vale_salviani

Per Kolarov, passare da eroe agli insulti è stato un attimo. Il 17 gennaio il serbo ha inaugurato il suo account Instagram ufficiale, due giorni dopo ha pubblicato un fotomontaggio con il Colosseo per la vittoria con il Torino, ricevendo like e complimenti e oggi il suo profilo è una sequela infinita di insulti. “Vergognati, hai pure il coraggio di parlare” è uno dei commenti più teneri.

 

Qualunque sia il progetto che hai in mente, con noi puoi realizzarlo, 2effe Finanziamenti prestiti in cui credere – Contenuto sponsorizzato

ROTTURA – Il clima intorno a Kolarov si è infuocato due giorni fa, dopo l’episodio di Termini, quando il serbo ha risposto duramente a un tifoso che chiedeva alla squadra di svegliarsi. “Dovresti chiedergli scusa” scrive qualcuno. “Ti permetti di insultare chi vi sostiene, è un diritto dei tifosi chiedere più impegno, ci vuole rispetto” gli fa notare Claudio. E c’è chi gli ricorda il commento di qualche mese fa: “Siamo noi che non capiamo di calcio, vero?”. Ovviamente, nonostante il gol segnato, il malcontento è dilagato dopo la prestazione di ieri“Ma non vi vergognate a ritirare lo stipendio a fine mese?”. E ancora: “Ma giochi ancora a pallone?”. 

STRAORDINARI – Nella Roma Kolarov, nonostante tutto, continua a essere un’insostituibile. La partenza di Luca Pellegrini (oggi firmerà con il Cagliari) e il mercato in entrata chiuso per mancanza di fondi, non dà alternative valide a Di Francesco. Ieri il terzino ha segnato il suo sesto gol stagionale, stavolta inutile. In tanti gli scrivono “vattene”, ma ad oggi la Roma non può farne a meno.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy