Ritiro Roma, i preparatori atletici: “Abbiamo un gruppo professionale, contenti della loro condizione”

Ritiro Roma, i preparatori atletici: “Abbiamo un gruppo professionale, contenti della loro condizione”

Nicandro Nizoco e Maurizio Fanchini hanno parlato alla radio ufficiale: “Durante le vacanze i giocatori restano liberi mentalmente, ma svolgono i compiti che gli diamo per arrivare pronti al ritiro”

di Redazione, @forzaroma

Nel calcio moderno la tenuta fisica per i calciatori ha acquisito una valenza sempre maggiore, viste le numerose partite in calendario per le squadre che giocano nelle coppe. In particolare riveste grande importanza la figura del preparatore atletico, soprattutto in fase di ritiro estivo: ai microfoni di Roma Radio sono intervenuti Nicandro Nizoco e Maurizio Fanchini. Ecco le parole dei due preparatori atletici giallorossi:

Quanto è importante il recupero durante le vacanze? Troppe vacanze fanno male ai calciatori?
Dipende dal livello a cui siamo, un giocatore di alto livello che gioca tantissimo ha bisogno di recuperare sia dal punto di vista e soprattuto psicologico-mentale, lasciare un attimo la routine della tensione nella preparazione alla partita per riuscire a cambiare un attimo. Dal punto di vista fisico le vacanze troppo lunghe possono essere un piccolo problema, ma ormai si tende a lasciare dei compiti ai ragazzi, quindi due settimane, il tempo in cui si riposano, mentalmente restano leggeri ma fisicamente iniziano a prepararsi per arrivare pronti al ritiro.

Serve un lavoro sulla testa?
E’ un compito che durante la stagione è portato avanti da tutti noi e principalmente dall’allenatore, dal lavoro quotidiano coi giocatori e il dialogo. I compiti a casa qualcuno non li svolge, tipo Juan Jesus (ride, ndr). Abbiamo un gruppo dedito al lavoro, estremamente professionale, siamo contenti di come si sono presentati.

La palestra è sempre più presente nella preparazione.
E’ cambiata l’attenzione a 360 gradi sulla preparazione fisica. C’è più attenzione sul singolo esercizio, è più globale. E all’interno di questa globalità, la presenza di lavori in palestra aiuta il benessere dei calciatori. Sono i giocatori stessi a cercare in palestra delle indicazioni che diano loro dei benefici.

I calciatori si informano molto.
L’atleta di alto livello vuole sapere il risultato di quello che fa, di questo siamo contentissimi. Prendere coscienza di quello che stia facendo di aiuta a rendere di più, a concentrarti meglio quando lavori.

Quanto è differente il lavoro del ritiro da quello della stagione?
Cambiano delle cose, abbiamo più tempo a disposizione. I giocatori riescono a lavorare sicuramente di più sulla parte tecnico-tattica, ma anche dal punto di vista fisico. Quando inizieranno le tre competizioni sarà molto più difficile portare avanti una linea di questo tipo. Siamo fortunati, riuscire a stare qua e avere questa struttura, portare le nostre idee coi giocatori è molto importante.

C’è una differenziazione tra i reparti?
Sì, c’è un’attenzione al carico di lavoro per reparti. Sono diverse le esigenze e le richieste del mister nella specificità del ruolo, attraverso il gioco del mister c’è dispendio estremamente notevole di energie da parte degli esterni d’attacco e difesa. Non perché i difensori non siano impegnati dal punto di vista fisico, ma sicuramente le distanze percorse e le velocità con cui vengono percorse per alcuni giocatori sono diverse rispetto ad altre. Questo fa sì che gli allenamenti del mister siano improntati al fatto che alcuni ruoli siano sovraccaricati di lavoro per essere performanti in partita.

C’è un piano di lavoro per i giocatori?
Per quello che è il modo di giocare del mister, anche durante gli allenamenti alcuni ruoli sono più impegnati di altri. Si cerca di compensare coi lavori a secco delle carenze che emergono in allenamento e rilevate tramite alcuni strumenti e monitoraggi soggettivi per cercare di portare tutti a un livello di condizione elevato. Ci sono ruoli con maggiore dispendio per richiesta del mister.

Quanto conta avere un gruppo già formato? Chi arriva una settimana prima dell’inizio della stagione come si mette in paro coi compagni?
E’ difficile, succede frequentemente. Si cerca di capire il più possibile quanto è stato fatto precedentemente, per prima cosa si raccolgono informazioni da colleghi e dal giocatore, e piano piano si cerca di portarlo al livello degli altri. E’ un lavoro abbastanza certosino. Il voler accelerare dei tempi è la cosa più pericolosa, alza notevolmente il rischio di un infortunio.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy