Operazione Rinascimento: cambia il giudice, tutto da rifare

Operazione Rinascimento: cambia il giudice, tutto da rifare

Il gup di Roma Costantino De Robbio ha rimandato gli atti al presidente e si è dichiarato incompetente a decidere nell’ambito del filone principale dell’inchiesta sul nuovo stadio della Roma. Si dovrà scegliere un nuovo giudice e una nuova data per l’udienza preliminare

di Redazione, @forzaroma

Il gup di Roma Costantino De Robbio ha rimandato gli atti al presidente e si è dichiarato incompetente a decidere nell’ambito del filone principale dell’inchiesta sul nuovo stadio della Roma. Come scrive iltempo.it, si ricomincia dunque tutto da capo con il procedimento e si dovrà scegliere un nuovo giudice e una nuova data per l’udienza preliminare.

La decisione è scattata perché De Robbio aveva messo la sua firma su alcuni decreti di intercettazioni che riguardavano l’imprenditore Luca Parnasi. Oltre che per Parnasi, la Procura ha chiesto il rinvio a giudizio per altre 14 persone tra cui cinque suoi stretti collaboratori: Luca Caporilli, Giulio Mangosi, e Simone Contasta, che avevano chiesto di patteggiare una condanna a 2 anni e ai quali la Procura aveva dato l’ok. Chiesto il rinvio a giudizio anche per gli altri manager collaboratori di Parnasi, Nabor Zaffiri e Gianluca Talone, oltre che per l’ex vicepresidente del Consiglio della Regione Lazio, Adriano Palozzi, l’ex assessore regionale e attuale consigliere Michele Civita, il capogruppo di Forza Italia in Consiglio comunale, Davide Bordoni, il soprintendente ai beni culturali, Francesco Prosperetti. Ci sono poi Daniele Leoni, funzionario del Dipartimento Urbanistica del Comune di Roma, Giampaolo Gola, l’ex assessore allo sport del X Municipio, l’architetto Paolo Desideri, e Claudio Santini, ex capo di Gabinetto al Mibact. Le accuse sono a vario a titolo di associazione per delinquere, corruzione e finanziamento illecito.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy