L’ex Fioranelli: “Roma esperienza unica, potevo rimanere”

L’ex Fioranelli: “Roma esperienza unica, potevo rimanere”

Il match analyst, ora generale manager nei San Josè Earthquakes, è stato in giallorosso per un anno e mezzo: “Sarei rimasto altri 5 anni se non si fosse presentata questa possibilità. La società è stata esemplare e rispettosa”

E’ iniziata da gennaio la nuova esperienza americana di Jesse Fioranelli, ora general manager dei San Jose Earthquakes. L’ex match analyst di Lazio e Roma si è raccontato tra presente e passato a tuttomercatoweb.com: “L’idea mi è stata proposta a fine anno, ne ho parlato con il dg della Roma, Baldissoni, che è stato un vero gentiluomo. “Se tu fossi interessato seriamente, non ci opporremmo”, mi ha detto. La Roma si è comportata in modo esemplare, dal primo all’ultimo del club. Sono stati aperti e rispettosi della mia volontà. Qui ho trovato un gruppo di giocatori importanti e dal punti di vista di qualità della vita si sta benissimo. La vita riserva sempre sorprese speciali. Sono italo-americano, pensavo che si aprisse tra qualche anno questa opportunità ma non avrei mai, e dico mai, pensato così velocemente”.

Pallotta, dopo un anno e mezzo, lo aveva salutato così: “E’ stato uno dei componenti fondamentali per la nostra crescita sportiva”. Fioranelli continua: “Avrei potuto e voluto restare altri cinque anni, se non si fosse presentata un’opportunità come San Josè. A Roma è stata un’esperienza di vita fantastica, lavorando con persone di alto livello. Parlo di Roma su tutte e due le sponde, chiaro… E’ stato uno dei test più importanti della mia vita, mi sono paragonato e comparato con persone di alto livello, con gente che ha scritto capitoli meravigliosi del calcio. Ho vinto anche qualcosina (ride, ndr). E’ stata un’esperienza unica, mi rende sereno per affrontare questo nuovo capitolo lavorativo”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy