Favino: “Totti ha un valore inestimabile per noi romanisti. Il 28 maggio si è chiusa un’epoca”

Favino: “Totti ha un valore inestimabile per noi romanisti. Il 28 maggio si è chiusa un’epoca”

Parla l’attore romano e romanista: “Quel giorno ho portato le mie figlie allo stadio, ho voluto far vivere loro quelle emozioni durate 25 anni con Francesco”

di Redazione, @forzaroma

Pierfrancesco Favino torna a parlare della sua Roma. Il noto attore romano e romanista, al fianco di Claudio Baglioni e Michelle Hunziker nell’ultimo Festival di Sanremo, è intervenuto ai microfoni di Sky Sport e si è soffermato sullo storico capitano della Roma, Francesco Totti. Ecco le sue dichiarazioni:

Quanto varrebbe oggi Totti? Non ha un prezzo, il valore che Totti ha per i romanisti è inestimabile. A parte che non lo vorrei mai vendere, ma sarebbe inestimabile, lo è per chi ha avuto la fortuna di tifarlo in questi anni. La poesia che ho scritto per Totti? Non è stata mania di protagonismo, l’ho scritta perché ero allo stadio il 28 maggio 2017, non riuscivo a dormire e gli ho scritto queste righe che sono sue, non sono mie. Restare tutta la carriera con la Roma è stato un valore grandissimo per noi. Interpretare Totti in un film? Sono più vecchio di Francesco, servirebbe tanto trucco (ride, ndr). Il 28 maggio ho portato le mie figlie allo stadio, ho voluto far vivere loro quelle emozioni durate 25 anni con Totti, è stato forse l’ultimo momento in cui un’epoca si è chiusa”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy