Enigma Ziyech: “Il puzzle ora è a posto, ma questa squadra non ci sarà più”

Enigma Ziyech: “Il puzzle ora è a posto, ma questa squadra non ci sarà più”

Il talento dell’Ajax parla del mancato trasferimento alla Roma: “Non pensavo di rimanere qui, ora mi diverto”

di Marco Prestisimone, @M_Prestisimone

“Ora o mai più”, aveva detto qualche giorno fa. Hakim Ziyech fa i conti col suo (recente) passato ma soprattutto col futuro. In estate sembrava ad un passo dal trasferimento alla Roma, con Monchi che aveva trovato l’accordo con il suo entourage per un quinquennale. Poi lo stop nella trattativa per le richieste altissime dell’Ajax, che ai giallorossi avevano già ceduto Kluivert. Sono amici i due, tanto che il marocchino fu uno dei primi a complimentarsi al figlio d’arte per la sua nuova avventura.

ziyech instagram kluivert

Non avevo preso in considerazione l’ipotesi di rimanere – ha detto a Nos.nl vigilia dello scontro diretto contro il Feyenoord (e lui toccherà le cento presenze) -. Ma è successo, e ora sono qui”.
In campionato sta andando bene, ma arrivano dalla Champions le notizie migliori: i Lancieri sono primi e imbattuti nel girone con Bayern Monaco, Benfica e AEK Atene. “Tutti i pezzi del puzzle ora sono a posto, giochiamo bene insieme e questo è bello da vedere – continua Ziyech -. Mi diverto molto con i miei compagni di squadra ogni giorno, è la cosa più importante per me”.
Un rendimento collettivo che ha esaltato anche le individualità: il marocchino è sempre monitorato da Monchi, che non ha rinunciato all’idea di vedergli indossare la maglia della Roma. Oltre ai giallorossi adesso anche LiverpoolArsenalEverton e da qualche settimana anche il Betis Siviglia sono sulle tracce del giocatore. Ma ad attirare l’attenzione di tutte le big europee ci sono soprattutto de Ligt e de Jong: “Sappiamo tutti che ci sono grandi talenti e squadre molto interessate – conferma Ziyech –. C’è una grande possibilità che questa squadra non sia più insieme l’anno prossimo. Il calcio è strano e domani all’improvviso potrebbe essere tutto diverso”. E lui non ne è escluso.

POKER FACE – Chiosa sul suo modo di essere fuori dal terreno di gioco. “Non mi dà fastidio il pensiero della gente – prosegue -. Così è il mondo esterno: sempre pronto ad un giudizio. Ma non mi interessa, perché so che non sono cose vere. Io sono me stesso, non ho bisogno di fingere”. In estate tante le accuse dei tifosi dell’Ajax che lo vedevano spingere per una cessione. Dopo pochi mesi le cose sono cambiate, e in tanti l’hanno perdonato. Almeno fino alla prossima finestra di mercato. La Roma sta a guardare.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy